Comunicati Stampa   15 GIUGNO 2020

John Deere presenta una nuovissima gamma di testate

John Deere presenta una nuovissima gamma di testate

John Deere ha ampliato la sua gamma di testate per mietitrebbie, presentando la nuovissima gamma di testate a tappeti con telaio snodato HD*, le nuove testate a tappeti HydraFlex™ e un nuovo pick-up BP15*. Tutte queste sono compatibili con le mietitrebbie John Deere della nuova Serie X e con la maggior parte delle mietitrebbie Serie S, Serie T e Serie W, per aiutare ad ottenere la massima capacità di raccolta riducendo al minimo le perdite su diverse tipologie di raccolto e nelle più svariate condizioni.

Le nuove testate a tappeti John Deere HDX (Hinged Draper EXtended Table: testata con tappeti allungati e telaio snodato) sono ideali per i coltivatori di prodotti con granella minuta (ad esempio cereali o semi di colza) che desiderano massimizzare le prestazioni della loro mietitrebbia, in condizioni variabili e su terreni irregolari o ondulati, raccogliendo al tempo stesso più granella. “La HDX ha un nuovo telaio snodato, che offre una capacità ineguagliata di seguire il profilo del terreno, con un range di escursione delle ali laterali doppio rispetto alla MacDon FD1 FlexDraper e un'altezza di taglio uniforme su terreni ondulati o irregolari” afferma Jonathan Edwards, responsabile marketing di prodotto John Deere. La HDX consente un’escursione agli estremi fino a 300 cm ed ha un design estremamente lungo del tappeto: ben 1200 mm, il 12% in più rispetto alla concorrenza di riferimento.

Secondo Edwards, le innovazioni sui tappeti delle testate HDX permettono di alimentare al meglio la mietitrebbia e catturare più granella dal campo, in particolare in condizioni di prodotto allettato. "Progettate appositamente per la Clientela europea, queste testate sono facili da utilizzare e permettono di raccogliere in modo efficace il prodotto allettato su tutta la larghezza di lavoro recuperando più prodotto, grazie anche alla distanza costante tra le dita dell’aspo e la barra di taglio, al maggiore raggio di azione dell’aspo e ad una maggior coppia del motore di azionamento dell’aspo. 

HDX è la prima testata a tappeti sviluppata specificatamente per la raccolta della colza, superando in termini complessivi, le prestazioni di barre specifiche con coclea."

Le testate HDX adottano nella configurazione base un sistema brevettato da John Deere: innovativi tappeti con rilievi, studiati per il trattenimento della granella durante il trasporto verso il collo alimentatore. Questa soluzione permette una riduzione fino al 25% delle perdite da scuotimento e verso la parte frontale rispetto alle testate a tappeti tradizionali. Sono disponibili con larghezze di taglio da 10,7 a 13,7 m (da 35 a 45 piedi).

John Deere ha inoltre lanciato i modelli HDR (Hinged Draper Rigid Knife: testata a tappeti con telaio incernierato e barra di taglio rigida). Questo modello è concepito per gli agricoltori che non coltivano colza (o solo pochi ettari). È disponibile con larghezze di taglio da 10,7 a 15,2 m (da 35 a 50 piedi).

Le nuove testate a tappeti John Deere HydraFlex™ RDF (Rigid Draper Flex Knife: testata a tappeti con barra di taglio flessibile) si basano sulla tecnologia di taglio comprovata in campo dei già noti modelli 700FD, offrendo però nuove funzioni per ridurre le perdite di granella. Queste testate HydraFlex™ RDF sono compatibili con le nuove mietitrebbie Serie X e con le mietitrebbie Serie S, Serie T e Serie W a partire dal 2012.

Tutte le testate a tappeti HydraFlex™ RDF presentano una nuova sezione centrale di alimentazione a due velocità. Gli operatori possono rallentare il tamburo di alimentazione ed il tappeto centrale del 20%. "Questo permette di diminuire ulteriormente le perdite, e ridurre l’effetto di sgranatura anticipata nei prodotti delicati come la soia o le leguminose" afferma Edwards. "La doppia velocità della sezione centrale nelle testate HydraFlex™ RDF è disponibile nella configurazione base per ottimizzare il rendimento su tutte le tipologie di raccolto ed in ogni condizione.”

Queste testate continuano ad utilizzare la comprovata barra di taglio HydraFlex™ John Deere a doppio taglio, con doppio albero di comando. Il sistema di lame offre prestazioni di taglio leader nel settore realizzando 1980 tagli al minuto ed un’escursione della barra di taglio di ben 190 mm, permettendo di aumentare la velocità di raccolta.

John Deere offre inoltre il BP15 (Belt Pickup: pick-up con nastro trasportatore) ideale per i coltivatori di granella minuta o semi oleosi, che raccolgono i prodotti in andana, per mietitrebbie serie X, serie S e Serie T.

“Permettono un’alimentazione più veloce del 20% rispetto al modello 615P, per gestire prodotti molto voluminosi in condizioni difficili,” afferma Edwards. “Rispetto al modello 615P, questo nuovo pick-up ha una maggiore capacità, grazie anche alla coclea a due velocità, con prestazioni superiori soprattutto nella colza. Se abbinato ad una mietitrebbia X9, per esempio, il BP15 può raccogliere nove ettari all'ora di colza."

Per i raccolti meno voluminosi, come i cereali o semi d’erba è possibile utilizzare una velocità di alimentazione ridotta. Una protezione installata in fabbrica riduce al minimo le perdite, impedendo al raccolto di accumularsi e depositarsi sul collo alimentatore.

"Gli operatori potranno dedicare meno tempo alla messa a punto della macchina e più tempo al raccolto," dichiara Edwards. “Per esempio, non è richiesto alcuno strumento per regolare la flottazione delle ruote da 510 mm per diverse condizioni dell'andana e diversi tipi di raccolto."

Tutte le nuove testate a tappeti, testate con coclea e pick-up a tappeto sono dotate di un'unità di comando (Header Control Unit, HCU) che comunica direttamente con la mietitrebbia. La HCU memorizza le impostazioni di calibrazione di fabbrica specifiche della testata, raccoglie e invia le informazioni sulla larghezza della testata alla mietitrebbia per un'accurata mappatura della resa. “La HCU è inoltre in grado di rilevare e riferire i codici diagnostici specifici per la testata e tiene traccia delle ore di utilizzo e degli intervalli di manutenzione," afferma Edwards.

Per maggiori dettagli rivolgetevi al vostro concessionario locale o visitate deere.it/.

 

*NOTA: Al momento non ancora disponibile per il mercato Italia.