• (Altri Paesi)
  • |
  • Ricerca Concessionari
/ / / Il sistema HarvestLab di John Deere
  • Print
  • Google
  • Linked In
  • Pinterest
  • Tumblr

Il sistema HarvestLab di John Deere

Caratteristiche

  • Regolazione automatica della lunghezza di taglio in base alla sostanza secca per una maggiore densità del prodotto nelle trincee di stoccaggio e una qualità dell’insilato superiore.
  • Regolazione precisa del dosaggio di inoculi nell’insilato per ottimizzare la fermentazione
  • Un sensore, tre possibilità di utilizzo: trince semoventi, laboratorio mobile, botte spandiliquame
Vedi tutte le caratteristiche

CONCESSIONARIOCONCESSIONARIO

    Il sistema HarvestLab di John Deere

    Panoramica

    Sviluppato e brevettato da Carl Zeiss, HarvestLab utilizza una tecnologia NIR (Near-Infrared Reflectance) spettroscopia per eseguire oltre 4.000 letture al secondo dei costituenti dei prodotti raccolti. Rispetto all’analisi di pochi campioni casuali prelevati dal rimorchio, questo metodo garantisce una precisione superiore e offre anche la possibilità di regolare la lunghezza di taglio in tempo reale, garantendo una qualità dell’insilato ottimale. Gli allevatori e i produttori di latte possono contare sui vantaggi del rilevamento in tempo reale dei cambiamenti di qualità del foraggio, i produttori di biogas hanno un maggior controllo sull’utilizzo di additivi nell’insilato, mentre i contoterzisti possono disporre di ulteriori funzionalità per offrire un valore aggiunto ai propri clienti.

    Il sensore HarvestLab è certificato da DLG (Deutsche Landwirtschafts-Gesellschaft) per l’analisi della sostanza secca nell’insilato di mais.

    Caratteristiche

    .features

    Specifiche Tecniche

    .specifications
    .attachments