John Deere 9520RX: quando le dimensioni contano

hero it

 

La Verucchi Achille di Anzola dell'Emilia è il primo acquirente italiano della gamma 9RX John Deere. Abbiamo incontrato Claudio Verucchi, figlio del fondatore dell'azienda, che dopo due mesi di utilizzo del suo 9520RX ci ha raccontato le sue prime impressioni dal campo.

Nata nel 1974, la Verucchi Achille di Anzola dell'Emilia, in provincia di Bologna, è uno dei più grandi contoterzisti dell'area emiliana. Forte di un ampio parco macchine John Deere che comprende, oltre ai trattori, mietitrebbie, trince e seminatrici, l'azienda opera su ogni tipo di coltura estensiva, dai cereali alle barbabietole, curando grazie alle proprie attrezzature ogni fase del ciclo colturale. Dallo scorso luglio, il parco macchine dell'azienda si è arricchito con un trattore John Deere 9520RX, primo esemplare in assoluto consegnato sul mercato italiano. E dopo circa 350 ore di lavoro, le prime impressioni sul campo sono decisamente positive. A raccontarle è Claudio Verucchi, figlio del fondatore dell'azienda, che fin da subito ha creduto nelle grandi potenzialità della macchina: "Il primo contatto con il 9520RX", racconta Verucchi, "è avvenuto in occasione di una nostra visita in Germania presso gli stabilimenti John Deere, dove le specifiche della macchina e alcuni test ci hanno profondamente impressionato, anche rispetto ad altri modelli della stessa tipologia da noi provate in precedenza, tanto da procedere immediatamente al suo acquisto. A colpirci in prima battuta è stato l'eccellente galleggiamento della macchina, pur a fronte di un peso e dimensioni decisamente importanti, e un conseguente compattamento del terreno molto limitato, comparabile a quello di trattori di taglia decisamente inferiore. Il tutto a fronte di doti di trazione ottimali: il 9520RX trasferisce tutta la sua elevata potenza a terra, senza esitazioni o slittamenti, a tutto vantaggio della produttività della macchina".

E di potenza il 9520RX ne ha davvero tanta, grazie al potente motore John Deere PowerTech PSS da 13,5 l che lo equipaggia: "proprio il motore", conferma Verucchi, "è stato il secondo aspetto che ci ha maggiormente colpito, sia per la sua generosa erogazione di potenza e coppia, sia per consumi che, anche in applicazioni particolarmente impegnative e in accoppiata con attrezzature importanti, si mantengono in linea con la taglia della macchina, risultando in diversi casi anche più contenuti del previsto. Merito, questo, anche della trasmissione PowerShift e18 che equipaggia il 9520RX e che ci ha già dato parecchie soddisfazioni sul campo. Infatti, non solo è in grado di cambiare marce automaticamente liberando l'operatore dai cambi di velocità e mantenendo sempre una trazione ottimale, ma quando necessario può essere utilizzata anche in modalità completamente manuale, lasciando la massima libertà in ogni situazione di lavoro".

Il comfort di guida è garantito da una cabina spaziosa e ben isolata da rumore e vibrazioni, oltre che dal supporto fornito dal sistema di guida automatica AMS e da una manovrabilità che, nonostante l'importante taglia del 9520RX, risulta davvero eccezionale: "le dimensioni del 9RX non devono spaventare", conferma Verucchi, "perché la macchina, pur trovando il proprio habitat naturale nelle grandi estensioni colturali, è in grado di lavorare con tutta la necessaria agilità anche in aree di superficie contenuta, offrendo anche in questi casi una produttività elevata".

A fronte di un eccellente livello tecnologico e costruttivo, anche la manutenzione del 9520RX risulta semplice, pratica e soprattutto economica: "i controlli quotidiani sono facilitati dalla collocazione di filtri e punti di ingrassaggio in posizioni facilmente raggiungibili", conferma Verucchi. "Grazie a questi accorgimenti, la manutenzione è paragonabile, in termini di semplicità e rapidità, a quella di trattori di taglia ben inferiore, così come i relativi costi: anche accorgimenti come l'adozione di rulli centrali dei cingoli esenti da manutenzione e di dimensioni comparabili a quelle utilizzate su altri trattori John Deere testimoniano l'attenzione dedicata ai costi di esercizio, rendendo il 9520RX una soluzione non solo altamente produttiva, ma anche conveniente dal punto di vista dei costi di gestione".

"Le doti di galleggiamento e trazione del 9520RX sono davvero eccezionali e garantiscono una produttività ottimale in qualsiasi condizione di lavoro e applicazione"

Claudio Verucchi - Italia